UGO

Via Ugo Ojetti 95/97 00137 Roma 06 824199

Siamo aperti

Tutti i giorni dalle 07.30 all'01.00 di notte. Venerdì e Sabato fino alle 02.00.


mobile logo

La nostra storia


Il ristorante Ugo è il frutto di una storia lunga più di 40 anni vissuta da Fabio Scaloni…
Fabio negli anni ’70 ha potuto apprezzare e fare tesoro dei sacrifici fatti dai suoi genitori nell’allora piccolo negozio di “Vini e Olii” di Viale Mazzini; negli anni, finiti gli studi, ha iniziato ad aiutare la sua famiglia nel lavoro e ha contribuito alla crescita di quel piccolo negozio. negli anni ’80 dalla vendita al dettaglio con grande coraggio, la Famiglia Scaloni, passò alla distribuzione e Fabio entrò in contatto con le cucine, i cuochi e il personale di tanti ristoranti, rubando con gli occhi e facendo proprie tutte le competenze del settore. Ad oggi il piccolo negozio di vini e olii è diventata l'”Enoteca Scaloni”, rinomata per qualità in tutta Roma. Dall’esperienza vissuta nella distribuzione e dal contatto con le realtà della ristorazione romana, Fabio decide di aprire la sua prima creatura l'”Osteria Scaloni”, nel quartiere Prati dove era cresciuto, un ristorante di qualità, ben frequentato e apprezzato nella zona.

Fabio ha avviato molti ristoranti a Roma, ma la sua ambizione e le sfide non finiscono per lui…cresciuto nella professione, marito e padre di due figli, Fabio si lancia in una nuova scommessa, frutto della sua professionalità, del suo amore per la ristorazione, dalla conoscenza profonda dei vini e dei liquori con cui si è fatto le ossa da ragazzo…ed ecco che nasce UGO!

image

Come nella poesia di Kavafis ITACA, noi abbiamo accumulato tesori nella nostra strada per realizzare con il cuore, la professionalità e la volontà il nostro UGO!


``Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze...``


Itaca

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo,
nè nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d’ogni sorta; più profumi inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca –
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
sulla strada: che cos’altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

Costantino Kavafis